Isole Minori

Isole minori è il tentativo (curato da Bachisio Bachis) di raccontare la Sardegna come un arcipelago, le cui isole sono i suoi paesi, anche i più piccoli, e i quartieri delle sue città; luoghi abitualmente periferici nel racconto della nostra isola, ma che possono rappresentare il materiale di cui è fatta la geografia del nostro presente. Materiale di recupero, fatto di scarti, frammenti, rovine, nostalgie e sogni. Paesi che si raggiungono in tre ore e si visitano in venti minuti. Luoghi di passaggio o luoghi appartati, esclusi da ogni paesaggio. Paesi abbandonati o a cui fare ritorno, città degradate e quartieri ritrovati. Ogni luogo con le sue ombre e la sua voce propria, che con le altre fa vivere un racconto polifonico, la cui varietà ci dice come siamo ora, chi e che cosa siamo diventati, partendo da come eravamo e dal futuro che abbiamo immaginato.

Arbus, o subrA

E tu di dove sei? Io sono di Arbus, piacere. Ma il paese dei coltelli, Piscinas, Funtanazza, Gutturu de Flumini, Scivu? Eja, di Arbus,...

I tre mondi di Santa Giusta

Santa Giusta, per chi abita in paese, rimanda subito a una persona e noi la conosciamo tutti la sua storia, una leggenda in pratica,...

Dritto per Ardara

Tutte le volte che qualcuno mi chiede quale sia il mio paese di origine mi fermo sempre un attimo a pensare alla risposta: meglio...

Il postino di Buggerru

Buggerru è un posto bellissimo. Questo per chiarire subito che non sono di Fluminimaggiore. Prima di questa esperienza, le mie visite a Buggerru si contavano...

Una mattina a Simala, tra le viti

Le viti correvano parallele alla strada. Allora, arrivato il tempo della vendemmia, ti alzavi presto e andavi nella campagna poco distante dal paese...

San Michele, periferia del cuore

Un mosaico, dove ogni tassello è un frammento di vita. Anche quando sono solo resti di vite spezzate da fragilità o violenza. Non è...

Sestu di luoghi e di anime

Sestu era brutta anche prima di diventare brutta. Certo, c’è stato un tempo in cui non me ne rendevo conto, tempo che forse era...

Vent’anni ad Ales

Ero già stato ad Ales. Molti anni prima, come interno al collegio vescovile di Monsignor Tedde. Pochi mesi, un’esperienza poco piacevole per un bambino...
Il vulcano spento di Monte Lisiri

A Ittireddu non c’è il mare

A Ittireddu non c’è il mare. Sarà per questo che se ci vuoi andare ci devi proprio andare di proposito, con un motivo preciso, perché...

Aggius tesse canti e risate

Il posto dove zia Dedda tesseva si chiamava lu fundagu. Il portoncino verde affacciava sulla piazzetta dove ora i sampietrini disegnano il gioco della...

Ultimi Articoli

3,079FanMi piace