Il neogovernatore continua a non rispondere. Come Vespasiano

0
1970
L'imperatore Vespasiano

«In questi mesi ho assistito a un quotidiano stillicidio di insinuazioni sul mio conto. Una violenza ed uno scadimento sul livello personale senza precedenti. Ma la risposta migliore a queste nobili penne l’hanno data i sardi con il loro voto e la loro fiducia. È un dato sufficiente per non curarsi di loro, guardare e passare».

Così il neogovernatore, Christian Solinas, al giornalista de la Nuova Sardegna che gli chiedeva delle sue vicende universitarie, oltre che del fallimento della cosiddetta Flotta sarda.

Nell’apprezzare il fatto che, purtroppo a elezioni avvenute, un giornale sardo finalmente ponga queste scontate domande, dobbiamo constatare che il neogovernatore continua a non rispondere. E liquida come “insinuazioni” fatti documentati. Come, appunto, il fallimento della Flotta sarda. O come la vicenda della laurea farlocca che conseguì in una università fantasma del New Mexico ed esibì – usando abusivamente il titolo di dottore – in una serie di delibere quando era presidente dell’Ersu, l’Ente regionale per il diritto allo studio universitario. Anche di quest’ultima “insinuazione” esiste la prova documentale.

Che si tratti di questioni di una certa rilevanza, d’altra parte lo ha confermato lo stesso Presidente Solinas quando, alla vigilia della campagna elettorale, è giunto al punto di chiedere a un giornale online la rimozione dell’articolo che ricostruiva la vicenda della laurea newmexicana. In nome di un inesistente (e un laureato in Legge dovrebbe saperlo) diritto all’oblio. Quindi può stare sicuro che fino a quando non avrà risposto, le domande resteranno valide. Compresa quella sulla sua adesione o meno alla massoneria (alla quale hanno risposto tutti i candidati tranne lui).

L’obbligo della trasparenza non diminuisce, ma anzi cresce quando si ricoprono cariche istituzionali elevate. Che gli uomini politici abbiamo un diritto alla privacy più attenuato non lo affermano le “nobili penne”, ma la Corte europea dei diritti dell’uomo. Come il presidente Solinas ben sa da “storico del diritto”, l’idea dell’imperatore legibus solutus risale a Vespasiano, che probabilmente la elaborò mentre ideava i più duraturi e utili cessi pubblici che portano il suo nome. Ma è stata da secoli superata con l’affermazione di una cosa che si chiama “democrazia”.

Ribadiamo queste assolute ovvietà perché costretti e, con esse, l’assoluto rispetto per la carica che il dottor Christian Solinas ricopre. Certi del fatto che egli pure condivida la necessità di rispettarla.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here